Benvenuto nel Magazine delle Profumerie Mallardo. Per te subito un fantastico sconto. I nostri negozi Entra in profumeria

NEGOZIO

HomeconsigliCome saranno i profumi del futuro? Ve lo diciamo noi!

Come saranno i profumi del futuro? Ve lo diciamo noi!

Storie collegate

Gli errori da non fare con i capelli per non sembrare più vecchia della tua età

I capelli contano davvero moltissimo nell'espressività del viso. Ne consegue...

Come si indossa il rossetto rosso secondo Chanel Haute Couture

Chi ci segue sa che abbiamo parlato altre colte...

Pelle perfetta: i 9 super alimenti che la rendono possibile

Anche tutto quello che mangiamo influisce sulla qualità della...

Il ghiaccio è il nuovo protagonista della skincare

Ultimamente, pare proprio che la parola d’ordine della bellezza...

Di cosa terranno conto i mastri profumieri, d’ora in poi? E in che modo creeranno i profumi del futuro?

Lo vediamo in questo articolo!

La nostra pelle influisce sulle fragranze che indossiamo

Una leggenda racconta che una volta un celebre profumiere chiese a una signora quale fantastico profumo indossasse, e che rimase poi molto stupito nell’apprendere che si trattava proprio di una sua fragranza.

Non l’aveva riconosciuto perché sui polsi e sul collo di quella signora il profumo aveva assunto note nuove e sconosciute.

In realtà, il carattere di un profumo, soprattutto agli addetti ai lavori, dovrebbe essere sempre riconoscibile, ma non c’è dubbio che l’epidermide influisca sulla sua capacità di esprimersi.

Ne abbiamo parlato in un nostro precedente articolo, nel quale abbiamo spiegato anche perché il profumo dovrebbe essere scelto in base alle caratteristiche della propria pelle e alla stagione in cui si intende indossarlo.

Insomma, quando si sceglie un profumo è sempre bene metterne qualche goccia sul polso per verificare la sua compatibilità con la propria pelle.

Sì, perché tra la pelle e il profumo si crea una interazione unica, intensa e piena di sfaccettature.

Alcune caratteristiche cambiano da pelle a pelle, ma, in generale, ci sono alcune caratteristiche oggettive dell’epidermide in grado di determinare la capacità di una fragranza di esprimersi appieno.

Tra tutte, conta il livello di idratazione dell’epidermide.

Lo vediamo qui di seguito.

La pelle idratata permette al profumo di esprimersi al meglio

Una pelle ben idratata è in grado di rendere più durevole la scia di un profumo.

Oltre ad essa, anche il cosiddetto microbioma e certe proteine, se presenti sull’epidermide, sono in grado di accentuare la capacità espressiva di una fragranza.

Proprio da queste considerazioni, nascono i profumi di nuova generazione.

Come saranno i profumi del futuro?

Analizzando gli elementi a cui abbiamo fatto cenno più su, alcune case di profumi stanno cercando nuove strade.

L’idea è quella di creare fragranze in grado di interagire con i microrganismi. Il profumo del futuro potrebbe insomma contenere molecole profumate in grado di attivarsi a contatto con l’epidermide: in poche parole, essi si appoggeranno sulla flora batterica per diffondersi in modo ottimale.

Cosa vuol dire questo?

Molto semplicemente, una volta applicati sulla pelle, essi la stimoleranno a produrre lipidi in grado di consentire alle componenti olfattive di acquisire minore volatilità.

Al tempo stesso, grazie ad una texture meno liquida, permetteranno alla pelle di mantenere l’idratazione.

In questo modo, si realizzerà un collegamento tra microbioma, pelle e profumo.

I profumi del futuro saranno sempre più spesso senza alcool

Tutto quanto abbiamo raccontato finora è possibile in special modo con le fragranze prive di alcool, che, in quanto più concentrate, si prestano all’integrazione di ingredienti attivi.

Ovviamente, i profumi senza alcool esistono già: un esempio su tutti è J’Adore di Christian Dior, ma ora questa possibilità diventa un trampolino di lancio per nuove conquiste nella produzione profumiera.

L’odore naturale della pelle: da sempre affascinante per i mastri profumieri

I mastri profumieri tentano da sempre di riprodurre l’odore della pelle, in particolare quello tipico della pelle dei bebè.  

La pelle dei più piccoli, infatti, ha una grandissima potenza affettiva: sa di talco, di latte, di tenerezza.  

Sulla base delle nuove conoscenze disponibili e tenendo come punto di riferimento proprio l’odore della pelle dei neonati, nasce quello che viene chiamato “accordo di pelle”.

Questo accordo si realizza soprattutto ricorrendo alla famiglia dei muschi, che meglio di ogni altra riesce a creare una vera e propria intimità con l’epidermide.

Le fragranze che contengono una buona quantità di muschi si diffondono in maniera meno plateale, ma hanno una morbidezza tutta loro, in grado di comunicare emozioni forti e di suscitare grande benessere.

Insomma, aspettiamoci piacevoli soprese in fatto di profumi lungo tutto il nuovo anno!

Storie recenti