Benvenuto nel Magazine delle Profumerie Mallardo. Per te subito un fantastico sconto. I nostri negozi Entra in profumeria

NEGOZIO

HomebenessereIl bagno turco: cos’è e perché fa tanto bene

Il bagno turco: cos’è e perché fa tanto bene

Storie collegate

Chanel Rouge Allure Velvet Nuit Blanche: L’Eleganza di un Rossetto Iconico

Nel mondo della bellezza e del make-up, pochi nomi...

Tendenze Dermocosmetiche 2024: Innovazioni e Must-Have per la tua Pelle

Nell'industria della bellezza, il settore della dermocosmesi rappresenta la...

Fragranze Estive: Due icone per una Stagione Inebriante

Con l'arrivo dell'estate, la scelta della fragranza giusta può...

Il bagno turco va di moda: è presente in moltissimi centri benessere e in molti centri sportivi, dal momento che viene considerato una pratica utile a completare l’attività fisica.

Ciononostante, non tutti sanno di cosa si tratti davvero e, ancor meno, quali siano i suoi benefici, che non sono legati soltanto alla bellezza, bensì anche alla salute, essendo un trattamento curativo con effetti benefici su tutto l’organismo.

Addirittura, pare che il bagno turco (o hammam) sia utile per prevenire alcune specifiche patologie.

Cos’è il bagno turco?

In pratica, il bagno turco è un bagno di vapore. I suoi effetti positivi si riscontrano a vari livelli: estetico, organico e psicologico.

Più precisamente, si tratta di un trattamento idroterapico che si effettua in un ambiente la cui temperatura deve aggirarsi intorno ai 50°C, e con un tasso di umidità che può raggiungere addirittura il 100%.

Il bagno turco si fa da seduti o sdraiati, su panche di pietra o di marmo, mentre ci si rilassa inalando vapore. Il vapore agisce sulla respirazione, favorisce la sudorazione e, quindi, l’eliminazione delle tossine.

In genere, il bagno turco si articola in tre step:

  • 15 minuti in una stanza riscaldata e ricca di vapore (Calidarium),
  • alcuni minuti in una stanza tiepida (Tepidarium),
  • immersione in acqua fredda (Frigidarium) per mezzo minuto, con lo scopo di tonificare il corpo.

Il ciclo può essere ripetuto o seguito una sola volta, per poi rilassarsi con un massaggio rilassante e riattivante a base di oli essenziali.

Storia del bagno turco

Le origini del bagno turco sono antichissime. Già gli antichi egizi, i greci e i romani lo praticavano.

Essi sapevano perfettamente come il vapore generato dalle alte temperature rinvigorisse e rigenerasse sia il corpo che la mente.

Gli Arabi ripresero dopo la fine dell’impero questa pratica, costruendo allo scopo dei bagni appositi, gli hammam, appunto.

I benefici del bagno turco

I benefici del bagno turco sono molto numerosi:

  • combatte lo stress e la tensione.
  • fa bene alla circolazione: il calore determina una dilatazione dei vasi sanguigni, favorendo appunto la circolazione.
  • purifica l’epidermide: il calore determina l’apertura dei pori, e la pelle, grazie alla sudorazione, elimina le sostanze nocive assorbite nella routine giornaliera

Già dopo una sola seduta di bagno turco, la pelle appare più luminosa e più liscia.

Se il trattamento viene ripetuto con regolarità, il recupero della elasticità della pelle diventa davvero evidente.

Ciò accade perché il sudore stimola il rinnovamento cellulare e consente alla pelle di rigenerarsi più velocemente.

Ancora più efficace sarà il bagno turco, se dopo di esso si passa un guanto di crine su tutta l’epidermide, per asportare completamente le cellule morte.

Per quanto riguarda invece i benefici sulla psiche del bagno turco, possiamo citare un piacevole stato di rilassamento che riduce lo stress e aiuta il sistema nervoso a fronteggiare le tensioni a cui viene sottoposto nella vita di tutti i giorni.

Il bagno turco ha controindicazioni?

Il bagno turco, però, non è per tutti. Ad esempio, le persone che mal tollerano temperature e tassi di umidità così elevati, magari con abbassamenti troppo importanti della pressione, capogiri o tempie pulsanti, dovrebbero preferibilmente evitare.

Anche chi soffre di problematiche cardiovascolari, veneree o renali dovrebbe preferibilmente astenersi da questa pratica.

Allo stesso modo, è sconsigliabile per le donne in gravidanza o durante il ciclo mestruale.

Sempre, occorre fare attenzione all’idratazione: la forte sudorazione può disidratare l’organismo, ed è quindi necessario reintegrare liquidi in abbondanza dopo aver terminato il trattamento.  

In caso di dubbi, chiedete al vostro medico!

Al contrario, essendo decongestionante, il bagno turco è l’ideale per chi soffre di allergie da polline, sinusiti e riniti.

Ad ogni modo, chi si avvicina per la prima volta a questa pratica, farebbe bene a usare prudenza, cominciando un po’ alla volta e poi aumentando gradualmente.

Storie recenti