Benvenuto nel Magazine delle Profumerie Mallardo. Per te subito un fantastico sconto. I nostri negozi Entra in profumeria

NEGOZIO

HomeconsigliCome conservare i profumi? I nostri consigli

Come conservare i profumi? I nostri consigli

Storie collegate

Gli errori da non fare con i capelli per non sembrare più vecchia della tua età

I capelli contano davvero moltissimo nell'espressività del viso. Ne consegue...

Come si indossa il rossetto rosso secondo Chanel Haute Couture

Chi ci segue sa che abbiamo parlato altre colte...

Pelle perfetta: i 9 super alimenti che la rendono possibile

Anche tutto quello che mangiamo influisce sulla qualità della...

Il ghiaccio è il nuovo protagonista della skincare

Ultimamente, pare proprio che la parola d’ordine della bellezza...

Sicuramente ti sarà capitato, almeno una volta nella vita, di aprire un flacone di profumo, di annusarlo e di notare che la sua fragranza non è più quella che ricordavi, ovvero quella originale.

A volte, il profumo risulta semplicemente “sbiadito”; altre volte, invece, la fragranza appare proprio diversa da quella originale.

Come mai succede questo?

La spiegazione più logica è quella secondo cui il profumo in questione è “invecchiato”.

In realtà, però, una fragranza non scade e può durare anni. A patto, però, che sia ben protetta dentro la sua confezione originale.

Se dunque avvertiamo un cambiamento nella piramide olfattiva di un profumo, ciò è dovuto a come abbiamo conservato il flacone e, quindi, il liquido al suo interno.

In questo articolo, parliamo proprio di come conservare al meglio i profumi.

I fattori che possono influenzare il mutamento della piramide olfattiva di un profumo

Come abbiamo detto, il profumo non si evolve finché è all’interno della sua bottiglia, a condizione che venga correttamente conservato.

Qui di seguito, abbiamo riunito tutti i fattori che possono alterare la fragranza.

Temperatura e luce

I profumi temono sia il caldo che la luce. La cosa migliore, dunque, è conservarli nella loro scatola originale in modo da evitare la luce diretta.

Allo stesso modo, va scelto con cura il luogo in cui tenerli: il bagno, ad esempio, non è la scelta ideale, dal momento che le continue alterazioni della temperatura e il vapore che spesso vi si crea non aiutano nel nostro intento di conservarli al meglio.

Il luogo ideale per conservare un profumo, dunque, è un luogo fresco e asciutto. La camera da letto può essere la stanza ideale, magari all’interno di un cassetto o di un armadio.

La plastica

I profumi sono spesso, o praticamente sempre, conservati in flaconi di vetro e ciò non costituisce affatto un caso. Se ti capita spesso di portare un po’ del tuo profumo preferito in un flaconcino da viaggio, fai attenzione. La plastica, a seconda del tipo e della conservazione, potrebbe modificare la piramide olfattiva, rendendo il profumo addirittura sgradevole.

La soluzione migliore è acquistare direttamente piccoli flaconi da viaggio o apposite fiale in vetro in cui custodire il profumo.

Fattori esterni

L’atmosfera esterna, a contatto con il profumo, altera la struttura della fragranza. Per questa ragione, è preferibile utilizzare flaconi spray anziché flaconi splash.

I flaconi spray, infatti, sono chiusi ermeticamente ed è la fragranza ad entrare a contatto con l’aria dopo lo spruzzo, non viceversa, ovvero, l’aria non entra mai all’interno della boccetta.

Formato e consumo

 Come abbiamo detto, se ben conservati i profumi possono durare anche anni.

La cosa migliore, però, è scegliere il formato in base a quanto profumo viene effettivamente utilizzato. Se usi il profumo tutti i giorni, con regolarità, puoi scegliere u formato grande: da 100, 150 o addirittura 200 ml.

Se invece usi raramente il profumo, è meglio privilegiare un formato piccolo: 30 o 50 ml possono essere più che sufficienti. 

Così facendo, sarai sicura di terminare il contenuto del flacone ben prima che la fragranza si modifichi!

Storie recenti