Benvenuto nel Magazine delle Profumerie Mallardo. Per te subito un fantastico sconto. I nostri negozi Entra in profumeria

NEGOZIO

HomefragranzeYves Saint Laurent: genio e sregolatezza intramontabili

Yves Saint Laurent: genio e sregolatezza intramontabili

Storie collegate

Tom Ford: icona del profumo d’autore

Tom Ford, l’abbiamo già detto, si è distinto fin...

Storia dei profumi di Dolce & Gabbana: glamour, sensualità ed eleganza

Abbiamo già parlato in un precedente articolo del marchio...

I profumi di Narciso Rodriguez: una storia di successo senza pari

Abbiamo parlato di Narciso Rodriguez e di come egli...

La storia di Yves Saint Laurent è, da un lato, la storia di un uomo tanto geniale quanto sfortunato, dall’altro, quella di un marchio che sopravvive da tempo al suo creatore.

Genialità, perché, Yves Saint Laurent mostrò il suo talento per la moda fin dalla primissima infanzia, quando nella villa algerina di famiglia disegnava i vestiti per le bambole delle sorelle, tanto da partire alla volta di Parigi già a diciotto anni per diventare subito dopo un apprezzato disegnatore di moda, assunto da quella che era allora la casa di moda per eccellenza: Dior.

Sfortuna, perché Yves Saint Laurent fu anche l’uomo distrutto nel corpo e nell’anima dalla guerra d’indipendenza algerina, che lo fiaccò nello spirito e lo portò a perdere il lavoro presso Dior, a subire trattamenti psichiatrici invasivi come l’elettroshock e, inseguito e per sua stessa ammissione, ad abusare di droghe.

Contro Dior, ad ogni modo, vinse una lunga battaglia legale che gli diede la possibilità di disporre dei mezzi economici per rendersi indipendente. Nonostante le vicissitudini subite, infatti, gli anni trascorsi come creativo presso Dior l’avevano reso celebre ed amato dalle donne di classe di tutto il mondo. Così, quando lasciò definitivamente l’importante casa di moda e dopo aver vinto in tribunale contro di essa, poté fondare un suo proprio marchio.

Le vicende del marchio passarono dalla gloria alla decadenza senza scalfirne minimamente la buona nomea, tanto che questo sopravvisse alla fine della stessa casa di moda.

Dopo che nel 1989 si era quotato in Borsa, infatti, il marchio fu acquistato dalla Sanofi e poi, nel 1999, da Gucci. Nel 2002, la casa di moda chiuse definitivamente i battenti, ma il marchio sopravvisse (ed esiste tuttora) sotto l’egida di Gucci.

Lo stile di YSL

Yves Saint Laurent ha apportato importantissimi cambiamenti nel mondo della moda.

La sua idea di fondo era che il mondo della moda non dovesse essere in alcun modo autoreferenziale, ma che dovesse ispirarsi alla realtà concreta, eventualmente anche alla strada.

Dalle linee provocanti, agli elementi presi dal guardaroba maschile ben prima che lo facesse l’italiano Giorgio Armani, dai riferimenti all’arte contemporanea alle commistioni con le culture di altri continenti, lo stile di YSL è stato spesso l’antesignano delle grandi rivoluzioni avvenute nel mondo della moda.

Yves Saint Laurent è morto nel 2008 dopo una lunga malattia, ma, come dicevamo, il suo marchio continua a campeggiare su moltissimi articoli di moda e tutto lascia supporre che lo farà ancora a lungo.

I profumi e i cosmetici di YSL

Yves Saint Laurent fu tra i primi stilisti a capire che i prodotti dell’alta moda potevano trasportare il proprio stile e la propria accuratezza anche nei prodotti di massa, alimentando così quello che sarebbe diventato il mondo della moda prêt-à-porter.

In un tale contesto, i prodotti di bellezza non potevano di certo mancare.

Così, sono già da tempo moltissimi i cosmetici e i profumi firmati YSL.

Dal celebre profumo Opium ai vari prodotti per il make-up, le linee di fragranze e di prodotti per la bellezza a marchio YSL sono davvero moltissime.

Di tutte stupisce l’opulenza e l’eleganza delle confezioni, davvero inconfondibili, e l’accuratezza delle formulazioni.

Insomma: che si tratti di un profumo o di un mascara, di una fragranza per uomo o per donna, ciascun articolo trasuda sensualità, classe ed eleganza davvero inconfondibili!

Storie recenti