Benvenuto nel Magazine delle Profumerie Mallardo. Per te subito un fantastico sconto. I nostri negozi Entra in profumeria

NEGOZIO

HomebenessereCome scegliere lo shampoo giusto

Come scegliere lo shampoo giusto

Storie collegate

Come scegliere il profumo giusto per l’autunno

Il profumo è qualcosa di molto personale e ognuno...

Tendenze make-up per il prossimo autunno

Inutile girarci intorno: l’estate sta finendo e l’autunno è...

Il make-up che invecchia: gli errori da evitare

Il make-up è un alleato prezioso per mettere in...

Epilazione laser: quanto costa e perché sceglierla

L’epilazione laser è una tecnica abbastanza semplice e poco...

In commercio è presente una enorme quantità di shampoo e tutti promettono mari e monti.

La verità, però, è che uno non vale l’altro e che scegliere quello giusto può essere a volte difficoltoso.

In questo articolo, ti spieghiamo come scegliere lo shampoo giusto!

I fattori da valutare per scegliere lo shampoo giusto

Sono diversi gli elementi da tenere presenti per scegliere lo shampoo giusto:

  •  La lunghezza e lo spessore dei capelli;
  •  Il tipo di capello: riccio, mosso o liscio;
  •  Le altre caratteristiche specifiche del capello e del cuoio capelluto.

Quando si sceglie uno shampoo, occorre fare attenzione alle caratteristiche specifiche sia del capello che del cuoio capelluto. Lo shampoo scelto, infatti dovrà detergere entrambi in profondità, ma al tempo stesso delicatamente.

Primo step: la composizione

Scegliere lo shampoo giusto non significa soltanto operare una scelta di bellezza, ma anche di salute.

Uno shampoo sbagliato, infatti, potrebbe irritare il cuoio capelluto o mutare il film idrolipidico che lo ricopre proteggendolo; n questo modo, l’aspetto della chioma nella sua totalità potrebbe mutare. 

Per prima cosa, dunque, è bene fare attenzione alla composizione chimica dello shampoo. Questa si evince, naturalmente, dall’etichetta.

Gli shampoo sono composti da formulazioni costituite da ingredienti diversi. Essi contengono principi attivi specifici per il cuoio capelluto e il capello, nonché additivi e tensioattivi:

  • Addolcenti;
  • Ammorbidenti;
  • Coloranti;
  • Conservanti;
  • Opacizzanti o brillantanti;
  • Profumi;
  • Schiumogeni;
  • Umettanti.

Tra questi, i più importanti sono:

  • Tensioattivi;
  • Schiumogeni;
  • Conservanti.

Quale shampoo scegliere se hai i capelli delicati

Tra i tensioattivi e gli schiumogeni più aggressivi e passibili di danneggiare il cuoio capelluto, compaiono il Sodio Lauryl Solfate (SLS) e il Sodium Laureth Sulfate (SLES). Tra i conservanti, invece, i parabeni risultano tra i più aggressivi.

Se hai capelli delicati, dunque, è bene fare attenzione ed evitare shampoo che contengono questi ingredienti.

Il pH dello shampoo

Il pH è un altro aspetto da tenere in grande considerazione. In genere, la maggior parte degli shampoo ha un pH acido non superiore a 5,5. Si tratta del valore ideale. I capelli, infatti, hanno un pH 3,67, mentre il cuoio capelluto è caratterizzato da un pH 5,5, ovvero meno acido.

La scelta di uno shampoo con pH 5,5 è compatibile con il cuoio capelluto. In questo modo, le caratteristiche del film idrolipidico del cuoio capelluto non vengono alterate dallo shampoo. 

Naturalmente, però, il discorso cambia a seconda del trattamento a cui abbiamo sottoposto i nostri capelli. Esistono, ad esempio, shampoo con formulazioni con pH basico a base grassa o, all’opposto, senza olio.

Per capelli decolorati o tinti, ad esempio, è bene scegliere shampoo molto nutrienti e dal pH neutro.

L’elemento decisivo: il tipo di capello

La decisione definitiva su quale shampoo scegliere si deve basare sul tipo di capello. Qui di seguito, uno schema riassuntivo.

  • Capelli normali, non decolorati né tinti: puoi orientarti su uno shampoo extra-delicato per lavaggi frequenti. Shampoo del genere contengono sia una componente lavante che una grassa, in grado di creare un film protettivo sui capelli;
  • Capelli sottili e fragili: scegli uno shampoo ad azione rinforzante, con una buona quantità di sostanze grasse, capace di creare uno strato protettivo su tutti i capelli. Questo tipo di shampoo non fa molta schiuma: non è affatto un problema e non vuol dire che non deterge!
  • Capelli secchi e opachi: valgono le stesse accortezze dei capelli fragili, con una particolare attenzione all’azione nutritiva dello shampoo scelto;
  • Capelli grassi: vanno lavati spesso, ma non quotidianamente. L’ideale è uno shampoo sebo-normalizzante specifico;
  • Capelli con tendenza a d aggrovigliarsi: ciò vuol dire che sono elettrizzati. Scegli uno shampoo con carica elettrica contraria ed un dopo-shampoo specifico;
  • Capelli con forfora: scegli rigorosamente uno shampoo specificamente antiforfora!

Storie recenti